Mercoledì, 11 Aprile 2018 22:13

Il castello di Romena

Scritto da
mappa libro il falco ghibellino

"Era l’ora del Vespro, all’imbrunire arrivarono in vista di Romena.

Da quella distanza, dal basso della valle, solo il profilo della torre più alta svettava dalla massa scura del bosco. La collina era ricoperta di vegetazione fitta e intricata. Man mano che la strada saliva, cominciavano ad apparire le mura di cinta, poi una massiccia porta con un torrione laterale.

Entrati dentro la prima cinta di mura, il carro e la scorta si diressero verso la parte più interna, lasciandosi sulla destra il piccolo borgo inglobato, da cui provenivano rumori smorzati di attività. La cinta interna era più alta: adesso si poteva distinguere bene la torre della prigione, a guardia del perimetro, che affiancava l’accesso.

panorama castello romena

Superata l’ultima porta, si ritrovarono nella piazza d’armi, uno spazio pianeggiante dalla forma curiosa, che ricordava a Gemma la tolda di una nave, come quelle che aveva visto illustrate nei libri: i lati erano lunghissimi, man mano si andavano allargando verso il fondo, occupato dalla facciata della dimora dei signori. Una piccola torre con ponte levatoio, la postierla, ne difendeva l’accesso, rendendola la parte più inaccessibile del castello. 

L’ora tarda e il chiarore del cielo che lentamente si spegneva, rendevano l’insieme inquietante, estraneo e minaccioso. [...] Scese dal carro e fu scortata dentro il cortile interno: un’altra torre, il mastio, ancora più alta e imponente, sorvegliava quello spazio ristretto, proteggendolo dagli attacchi da nord."   (da "Il falco ghibellino" cap.2)

postierla del castello di romena
disegno castello romena

"Varcata anche la porta del terzo cerchio di mura, si ritrovarono sulla spianata alla sommità del colle, delimitata dalla residenza del conte da una parte, dalla torre-prigione dall’altra. Gemma ebbe un brivido nel riconoscerla: ricordi neri di paura e angoscia si sovrapposero all’immagine del presente."

(da "Un erede per il falco" cap.11)

torre-prigione-romena